Torna Terra Madre Salone del Gusto dal 20 al 24 settembre, la mission di questa edizione è #foodforchange

Cambiare il mondo attraverso il cibo è possibile?

Questo è il quesito che si pone quest’anno Terra Madre Salone del Gusto, che si svolgerà a Torino dal 20 al 24 settembre. “Food for chance” è il motto di questa edizione, che punta a fare del cibo lo strumento fondamentale attraverso il quale cambiare il mondo e anche noi stessi. La consapevolezza dell’importanza di una buona alimentazione inizia quando scegliamo cosa acquistare e come preparare i nostri piatti. Poi c’è chi ogni giorno, in ogni parte del mondo, vive la propria vita seguendo il motto “Food of Change” nel proprio lavoro.

Helen Nguya, delegata di Terra Madre, da 35 anni lavora in progetti di sviluppo per le comunità in Tanzania riguardanti il cibo e l’agricoltura sostenibile. In Cile Isabel Angelica Inayao Sepul insieme ad altre 18 donne, le mujeres rurales, si dedica alla agro-ecologia e alla raccolta di erbe e frutti selvatici. Nella multietnica New York lo chef di origini senegalesi Pierre Thiam reinterpreta la cucina etnica in chiave contemporanea facendo conoscere le peculiarità eno-gastronomiche del continente africano. Akeisha Clarke invece porta a Terra Madre la storia della comunità di pescatori della Piccola Martinica. Di salvaguardia della biodiversità locale dei Paesi Baschi francesi si occupa Christian Aguerre, il quale è anche impegnato nel salvataggio dall’estinzione del maiale basco del Kintoa e altre razze di maiali e pecore. Queste le storie di alcuni dei delegati di questa edizione. Terra Madre sposa e promuove i 17 Obiettivi di Sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite mettendo in atto strategie eco-sostenibili per l’organizzazione dell’evento.

Terra Madre è anche racconto del territorio piemontese e torinese, realtà di Torino e non saranno protagonisti con eventi ad hoc. Le location principali di Terra Madre saranno quattro: Palazzo Reale con l’Enoteca, il Punto Mixlogy e il Punto Vermouth. Birra e street food saranno i protagonisti de La Piazzetta Reale, mentre la Nuvola Lavazza ospiterà i Laboratori del Gusto per esplorare il mondo del caffè. Centro nevralgico di Terra Madre sarà il Lingotto Fiere ed l’Oval sedi del Mercato italiano e internazionale con circa mille espositori. Novità di questa edizione sono le cinque aree tematiche #foodforchange: Slow Meat, Slow Fish, Semi, Cibo e salute, Api e insetti. L’Arena di Terra Madre, luogo d’incontro tra magnati, indigeni e giovani della rete di Slow Food, sarà di fatto un’ulteriore nuova area tematica. Non mancheranno gli eventi off dedicati ad esperti e amanti del settore. Il Salone del Gusto, noto dentro e fuori i confini italiani, è organizzato da Slow Food, Città di Torino e Regione Piemonte in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole alimentari e forestali e il coinvolgimento del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

The following two tabs change content below.

Federica Monello

Giornalista pubblicista curiosa, chiacchierona, amante della comunicazione e della cultura.

Commenti dalla Rete

Pin It on Pinterest