Il discorso della presidente della Commissione europea e candidata di punta del Partito popolare europeo (PPE) per un secondo mandato alla guida della Commissione, Ursula von der Leyen, è stato interrotto giovedì (6 giugno) a Porto da decine di manifestanti a sostegno dei palestinesi, che hanno chiesto una “Palestina libera” dai bombardamenti di Israele.

Von der Leyen aveva appena iniziato a parlare in un comizio nel centro di Porto e stava elogiando il sostegno di Luís Montenegro, leader del Partito Social Democratico (PSD), il principale partito conservatore di centro-destra del Portogallo, e del leader della lista Alleanza Democratica (AD), Sebastião Bugalho, quando una ventina di manifestanti hanno interrotto le sue parole gridando “Palestina libera”. I manifestanti si sono anche dipinti le mani di rosso per simboleggiare la morte di oltre 36.000 palestinesi, soprattutto donne e bambini, dall’ottobre 2023.

Von der Leyen ha cercato di continuare il suo discorso, ma l’attenzione del pubblico era concentrata sui manifestanti, che alla fine hanno lasciato la sede accompagnati dalla polizia.

“Se foste a Mosca, ora sareste in prigione”, ha commentato Ursula von der Leyen, paragonando la protesta alla guerra in Ucraina causata dall’invasione russa.

L’opposizione italiana sollecita il governo a riconoscere lo Stato palestinese

I partiti dell’opposizione italiana, il Movimento Cinque Stelle, il Partito Democratico e l’Alleanza dei Verdi e della Sinistra, stanno esercitando una crescente pressione sul governo italiano affinché segua l’esempio di Norvegia, Spagna e Irlanda riconoscendo ufficialmente lo Stato della Palestina.
Il …

La campagna elettorale di von der Leyen è stata caratterizzata dalla sua posizione a favore di Israele nel conflitto mediorientale.

I manifestanti hanno gridato slogan come “potete nascondervi, ma non potete nascondere che finanziate un genocidio” o “che vergogna deve essere difendere un genocidio per avere qualcosa da mangiare”.

La polizia è intervenuta immediatamente e ha allontanato i manifestanti, uno dei quali è stato gettato a terra. Li hanno poi scortati in una strada più lontana dalla manifestazione, dove le proteste sono continuate.

Leggi qui l’articolo originale

Disponibile in tedesco



Source