Vincenzo Sansonne (courtesy Giannetto Portofino)Vincenzo Sansonne (courtesy Giannetto Portofino)

«Al Pitti portiamo una storia lunga oltre quarant’anni, che parla di produzione, di amore e passione per questo mestiere». Sono queste le parole che Vincenzo Sansonne, direttore creativo di Giannetto Portofino, sceglie per raccontare la mission della label di camicie che torna in Fortezza con una collezione che prosegue sul percorso tracciato precedentemente dalle scorse stagioni.

Mette al centro qualità, artigianalità e innovazione, «senza dimenticare la gioia del momento della creazione», aggiunge il designer alla guida creativa del marchio di famiglia, la cui produzione avviene all’interno dell’azienda fondata nel 1979 ad Andria dai suoi genitori.

Un piccolo laboratorio artigianale che, seppur nel tempo è cresciuto ampliando le sue dimensioni ed espandendosi oltre all’Italia, arrivando fino agli Stati Uniti e il Giappone, non rinuncia alla linee guida dell’artigianalità, della tradizione e del Made in Italy. «Partecipare a Pitti significa per noi contribuire al sistema italiano, dando lustro a un comparto che mio malgrado delocalizza sempre di più».

Per questa collezione, per la cui realizzazione l’azienda ha gradualmente ridotto l’utilizzo della plastica implementando i materiali riciclati, Giannetto Portofino predilige colori tenui e fibre naturali. Non mancano le camicie in denim, con un tessuto double face, e quelle realizzate con la nuova fibra in cotone stretch dai colori vivaci.

Una camicia Giannetto Portofino (courtesy Giannetto Portofino)Una camicia Giannetto Portofino (courtesy Giannetto Portofino)

Per finire stampe all over in tessuti cascanti, arricchiti da un tocco vintage. «Si tratta di una collezione che trae ispirazioni dal quotidiano e dal costante confronto con i mercati mondiali», aggiunge Sansonne, «le cui caratteristiche principali sono il colore, la leggerezza dei tessuti e la ricerca nei trattamenti».

E alla domanda su chi sia il cliente Giannetto Portofino, il designer spiega «è una persona a cui piace godere dei piaceri della vita in maniera elegante e non sfarzosa. Amante del lusso sussurrato». (riproduzione riservata)

Vai al VideoCenter di Milano Finanza

Piquadro, fatturato al 31 marzo sale a 180 mln di Euro

Source